[Webinar gratuito] Introduzione a Salesmanago

Rispetto ad altri software più immediati e di facile comprensione, Salesmanago può sembrare ostico ad un primo approccio e richiede una curva di apprendimento più lunga.

Una pazienza che però viene premiata da una massima libertà di personalizzazione che ti permetterà di strutturare al meglio il tuo workflow di automazioni, concentrandoti sulle particolarità del tuo business specifico.

Se hai voglia di scoprire cosa si cela dentro la dashboard di Salesmanago, ecco la video-registrazione del webinar introduttivo che ho fatto la settimana scorsa.

Se il video ti è piaciuto, ti sarò grati se vorrai lasciare un commento qui sotto o direttamente su youtube.

A presto!
Marco

Segmentare gli utenti attraverso la matrice RFM

Il prossimo Ottobre non perderti il lancio di RFMcube, il primo software verticale sulla segmentazione RFM per siti di ecommerce, booking e molto altro.

Scopri RFMcube

 

La segmentazione degli utenti è il primo passo da compiere quando si vuole mettere in piedi un programma di marketing automation per Ecommerce.

Suddividendo la massa variegata di visitatori in gruppi omogenei, è possibile personalizzare i messaggi di marketing in maniera da offrire incentivi e messaggi rilevanti per un determinato target ed aumentare le probabilità che siano effettivamente interessati a ciò che abbiamo da offrire.

Come sai é possibile suddividere gli utenti sulla base dei comportamenti di navigazione (durata sessione, visita categoria x ecc.), di acquisto (transazioni = 1, prodotto acquistato = x, ecc.) o ad informazioni anagrafiche (cap di spedizione, paese di provenienza).

Vorrei ora introdurti una nuova e potente arma di segmentazione, già utilizzata da diversi software di marketing automation, che prende il nome di Matrice RFM.

La matrice RFM: una introduzione

Con Matrice RFm si intende una modalità di segmentazione degli utenti basata sulle te variabili Recency (R), Frewquency (F) e Monetary (M).

  • Recency: indica il tempo intercorso dall’ultimo acquisto
  • Frequency: indica il numero di volte in cui l’utente ha effettuato un acquisto in un dato intervallo di tempo (solitamente 1 anno)
  • Monetary: indica il totale di euro spesi da un singolo utente a partire dal suo primo acquisto, e coincide con il Customer LifeTime value (CLV)

 

Matrice RFM: trova i tuoi clienti balena

Come avrai già facilmente intuito, gli utenti con punteggi RFM più alti sono i clienti migliori, quelli su cui vale la pena investire tempo e denaro in quanto acquistano spesso, molto e di recente.

Cliente balena (Tizio) e cliente pesciolino (Caio) possono avere differenze enormi in termini di ROI

 

Il monitoraggio di questi tre valori permette di monitorare i miglioramenti complessivi delle proprie attività di Retention, e misurare i risultati di un programma di marketing automation rispetto ai periodi precedenti.

D’altra parte risulta un arma efficacissima per fare azioni mirate di Real-time marketing, ad esempio progettando campagne ad hoc per gli utenti che acquistano di frequente, ma non acquistano da 2 mesi.

Oppure, progettando una campagna di upselling dedicata a chi ha già speso almeno 200 euro sul sito ma non acquista da più di 6 mesi.

Le potenzialità sono tante, e tutte dipendono dal settore merceologico di riferimento e dalla strategia di marketing automation che si è deciso di adottare.

 

Come costruire una matrice RFM

Sempre più software di marketing automation si stanno dotando di matrici RFM, in quanto permettono una suddivisione in coorti dinamica.

Come stabilire i valori Recency, Frequency e Monetary?

Per i primi due ti serve come prima cosa sapere la FREQUENZA DI ACQUISTO (f),ovvero ogni quanti giorni in media gli utenti tornano ad acquistare. La puoi calcolare facendo:

numero di ordini (anno) / numero di clienti unici (anno)* = f

tempo che intercorre tra un acquisto e un altro = 365 / f

Per avere un risultato più preciso, dovresti effettuare il calcolo solo sui clienti che hanno effettuato almeno 2 acquisti, scremando quindi gli acquisti di utenti “one shot” che andrebbero a dilatare la frequenza media di acquisto.

Immaginiamo che i tuoi clienti acquistino in media 6 volte all’anno.

Utilizzando un software dotato di matrice RFM, come ad esempio Salesmanago, puoi creare 3 diverse coorti di utenti in base alla loro frequenza di acquisto:

  • clienti saltuari: meno di 4 acquisti/anno
  • clienti regolari: da 4 a 8 acquisti/anno
  • clienti assidui: + 8 acquisti/anno
Il grafico mostra 3 segmenti di utenti in base alla frequency: Casual, Regular e Common

 

Continua la lettura dell’articolo sul blog di Ecommerce School

Guida alla scelta dei software di marketing automation per Ecommerce

Finalmente ti sei convinto a sfruttare le opportunità del Marketing Automation per il tuo Ecommerce. Bene! Ora però arriva il primo problema: quale software utilizzare?

Se fai un giro sulla rete troverai decine di landing pages scintillanti e commerciali ammiccanti pronti a prometterti di avere la soluzione in tasca per ogni tuo problema.

La verità è che la ricerca di un software di marketing automation può diventare una vera propria giungla, dalla quale è difficile districarsi se non si ha un minimo di esperienza nel settore.

Un tipico errore consiste nel lasciarsi “abbagliare” dalle funzionalità senza aver prima chiara l’architettura da implementare. Questo porta ad esempio ad utilizzare software molto potenti senza sfruttare nemmeno un 20% delle loro potenzialità.

Oppure, ad abbonarsi a software che promettono cose che in realtà non ci sono (a discapito di quanto promesso dal commerciale nella call su skype).

Oppure ancora, a scegliere software che sembrano maturi ma che in realtà sono in versione Beta, e ti usano per risolvere i loro bug e creare case study.

In questo primo articolo vorrei fare un minimo di chiarezza sulla questione e presentarti 5 diverse soluzioni per il marketing automation.

Come ho già detto le soluzioni esistono a decine, e ogni mese nuove startup si affacciano sul mercato con soluzioni nuove.

Quindi i software che ti mostrerò sono scelti appositamente in quanto diversi l’uno dall’altro, ciascuno con i propri punti di forza e di debolezza.

LEGGI L’ARTICOLO SUL BLOG DI ECOMMERCE SCHOOL

[Webinar gratuito] Aumentare le conversioni con le email personalizzate

Ecco la videoregistrazione del mio webinar “Aumentare le conversioni con le email personalizzate”, in cui mostro come è possibile generare un nuovo canale di traffico, ad altissima performance, attraverso un tipo di email marketing one to one, ovvero personalizzata sulla base degli interessi manifestati dagli utenti durante la navigazione.

Webinar “Aumentare le conversioni con le email personalizzate” from Ecommerce School on Vimeo.